Gustaw Herling

07Giu10

Attraverso un guanto spesso

«L’italiano è la prima delle lingue in cui mi sono imbattuto nelle mie peregrinazioni per il mondo. Verso di essa ho un rapporto più intimo, basato non soltanto su una fluente e corretta conoscenza, ma anche su un sentimento più profondo. È una lingua che ha per me un grande fascino, ogni giorno maggiore. Talvolta scrivo cosette per i giornali italiani, e vedo che non necessitano di grandi correzioni prima di essere stampate. Eppure, scrivendo in italiano occasionalmente e per guadagno, ho come la sensazione di toccare questa lingua attraverso un guanto spesso. Non come accade con la propria lingua, direttamente: con la sottile e innervata pelle delle palme nude.»

Da un articolo del 1961, citato in Francesco M. Cataluccio, Vado a vedere se di là è meglio. Quasi un breviario mitteleuropeo, Sellerio, Palermo, 2010, p. 278.


No Responses Yet to “Gustaw Herling”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: