Gabriel García Márquez

15Lug10

Una seconda intenzione segreta

«Es poco probable que un escritor quede satisfecho con la traducción de una obra suya. En cada palabra, en cada frase, en cada énfasis de una novela hay casi siempre una segunda intención secreta que sólo el autor conoce. Por eso es sin duda deseable que el propio escritor participe en la traducción hasta donde le sea posible.»

“Los pobres traductores buenos” (1982), in Notas de prensa. 1980-84, Mondadori, Madrid, 1991.

˜

«È poco probabile che uno scrittore rimanga soddisfatto della traduzione di una sua opera. In ogni parola, in ogni frase, in ogni enfasi di un romanzo c’è quasi sempre una seconda intenzione che solo l’autore conosce. Per questo è augurabile che lo scrittore partecipi alla traduzione fin dove gli è possibile.»

Trad. it. di Angelo Morino, “I poveri buoni traduttori”, in Taccuino di cinque anni, 1980-1984, Mondadori, Milano, 1991.


No Responses Yet to “Gabriel García Márquez”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: