Jorge Luis Borges & Alan Pauls

29Ago12

L’abilità di leggere

lenguaje   «Pienso que no hay creación alguna en los dos versos de Cervantes que he desarmado. Su poesía, si la tienen, no es obra de él; es obra del lenguaje.» Lo primero que hace la técnica de la lectura de Borges es problematizar el horizonte de lo legible: qué es lo que hay para leer, qué es digno de ser leído y qué no, qué debe tener un objeto para figurar en el horizonte de lo legible, etc. Toda manera de leer, según Borges, implica alguna idea sobre la literatura en general, y en primer lugar alguna idea sobre la definición misma de la literatura en general. Borges, al leer, contesta de una manera borgeana —esto es: moderna— a la pregunta qué es la literatura. Y contesta: nada, la literatura no es nada; en el mejor de los caso podría ser, simplemente, un lugar de aparición de lo poético. Uno entre muchos otros. «Yo tampoco sé lo que es la poesía», escribe Borges, «aunque soy diestro en descubrirla en cualquier lugar: en la conversación, en la letra de un tango, en libros de metafísica, en dichos y hasta en algunos versos.»

 ˜

linguaggio  «penso che non vi sia creazione alcuna nei due versi di Cervantes che ho smontato. La loro poesia, se ne hanno, non è opera di Cervantes; è opera del linguaggio». La prima cosa che fa la tecnica di lettura di Borges è problematizzare l’orizzonte del leggibile: che cosa bisogna leggere, che cosa è degno di essere letto e che cosa no, quali caratteristiche deve avere un oggetto per figurare entro l’orizzonte del leggibile, etc. Ogni modo di leggere, secondo Borges, implica un’idea della letteratura in generale, e in primo luogo un’idea della definizione stessa di letteratura in generale. Borges, quando legge, risponde in maniera borgesiana — ovverosia: moderna — alla domanda che cos’è la letteratura. E risponde: niente, la letteratura non è niente; nel migliore dei casi potrebbe essere, semplicemente, un luogo di apparizione del poetico. Uno dei tanti. «Non so neppure che cosa sia, la poesia», scrive Borges, «ma sono abile a scoprirla in qualunque luogo: nelle conversazioni, nelle parole di un tango, nei libri di metafisica, nei detti e perfino in alcuni versi.»

Alan Pauls, El factor Borges, Anagrama, Barcelona, 2004, p. 78. Traduzione mia. Esiste una traduzione francese di questo libro edita da Bourgois nel 2006, con il titolo Le Facteur Borges.


No Responses Yet to “Jorge Luis Borges & Alan Pauls”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: