Ted Hughes

10Mar13

children_playing

La verità e la grazia

All falsities in writing —and the consequent dry-rot that spreads into the whole fabric— come from the notion that there is a stylistic ideal which exists in the abstract, like a special language, to which all men might attain. But teachers of written English should have nothing to do with that, which belongs rather to the study of manners and group jargon. Their words should be not “How to write” but “How to try to say what you really mean” —which is part of the search for self-knowledge and perhaps, in one form or another, grace.

Poetry in the Making, A Handbook for Writing and Teaching (1967), Faber and Faber, London 2008, p. 12.

˜

Tutte le falsità sulla scrittura – e le conseguenze distruttive che di lì si estendono all’intero tessuto – discendono dalla nozione che vi sia un’ideale stilistico che esiste in astratto, come una lingua speciale, alla quale tutti possono tendere. Ma gli insegnanti di inglese scritto non  dovrebbero occuparsi affatto di una cosa del genere, che riguarda piuttosto lo studio delle buone maniere o dei gerghi di gruppo. Le loro parole dovrebbero essere non «Come bisogna scrivere» ma «Come si fa per cercare di dire quello che si vuole dire veramente» – il che ha a che fare con la ricerca della conoscenza di sé e forse, in un modo o nell’altro, della grazia.

Traduzione mia.


No Responses Yet to “Ted Hughes”

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: